.
You are the visitor n. 106933148
< Home
May 162017 Gossip
 

globelife - active beauty

Consumers are increasingly striving for physical and spiritual fitness. Manufacturers and brands can now take maximum advantage of this trend and develop innovative cosmetic and body care products for customers who are keen on active pursuits. The market researchers at Mintel Beauty & Personal Care forecast that ‘active beauty’ will have a crucial impact on the cosmetics and skin care industries in 2017. The demand for new products, which support a healthy lifestyle and fitness, is more important than it ever was, given that consumers are now participating in more and more sporting activities. 48 % of German consumers would be interested in body care products, which help to regenerate their bodies after sport. 46 % of Spanish consumers are excited by the idea of fragrances that enhance the efforts they put in when exercising. 53 % of Italian consumers indicate that body care products, which increase and prolong the effects of sporting activity would appeal to them. And amongst French consumers, 36 % show an interest in sports clothing which gives off skin care products or fragrances in response to changes in body temperature.

As Mintel indicate, several brands and manufacturers also recognise the ‘active beauty’ trend. According to the market researchers, they will, in future, be investing more in innovative products, which cater for the needs of consumers who take part in active pursuits. The experts assume that the developments will lead to products that maintain their effectiveness in extreme conditions and protect hair and skin both from dirt and from UV and infrared light. The market researchers are also predicting care products that react to body temperature, sports apparel that measures the temperature and levels of hydration of the skin and then sends data about ideal care requirements to a smartphone app, or via a DNS-based analytic system, to create a personalised sports and beauty programme.

For brands and manufacturers, who would like to take advantage of the ‘active beauty’ trend, it is important – so say Mintel – that information about the effects of the products makes clear why and how these products are different from the ones in the normal portfolio. With protective formulae and practical packaging, it should also be possible to meet the wishes of sophisticated consumers for functional, multitasking products.

Rate this post / esprimi il tuo voto
May 152017 Gossip
 

barba-baffi

I consumi maschili nel settore beauty, cresciuti esponenzialmente nell’ultimo periodo, oggi pesano sul 30% del fatturato complessivo annuo.

Uno de canali di maggiore diffusione dell’estetica maschile è il settore “barber”.

Dal dettaglio dandy all’eccesso hipster, i cosmetici dedicati a barba e baffi hanno occupato una larga fetta dei consumi maschili con una spesa di 163 milioni tra saponi e prodotti per la barba e 350 milioni per profumi e fragranze (+ 2,7 % rispetto all’anno precedente).

Le aziende propongono shampoo e balsami per barba, gel di definizione, balsami e butter ammorbidenti.

La barba, curata e ben definita, è il nuovo indicatore di status per un uomo che si prende sempre più cura di sé.

Rate this post / esprimi il tuo voto
May 122017 Gossip
 

export-francia

The cosmetics industry remains a major pillar of French foreign trade.

An article on Premium Beauty News explains that in 2016, the trade surplus in the cosmetics sector reached 9.2 billion euros, ranking cosmetics as the second most performant sector after the aeronautics.
“The French cosmetics industry continues to grow its international reputation by combining its strong assets, including innovation a reputation of high-quality,” says Patrick O’Quin, President of the French Federation of Beauty Enterprises (FEBEA).

However, French exports score very differently from one geographical area to the other. Dynamism in North America and Asia has offset the slowdown in other areas.

While Germany, the United Kingdom, Spain and Italy remain among the top 5 countries where France exports the most, the total amount of exports in these four countries tends to slow down.

French exports to European countries outside the European Union (-3.5%) continue to decline, mostly because of the drop of exports to Russia (-13%), which is linked to the rubble weakness that had a positive impact on local brands but not on foreign imports.

However, sustained growth in North America offset the slowdown in Europe. Exports rose in all the three North American countries: United States (+8.5%), Canada (+4.5%) and Mexico (+4%).

Exports to Asia grew by almost 10% in 2016, including China (+15%), Singapore (+13%), South Korea (+18%) and Japan (+4%). While Asia passed through some difficulties in 2015, last year marked a real recovery throughout the zone. “The growth remains strong in China despite, regulations that are not adapted to the constant innovations in this product categories,” explains the FEBEA. Asia now accounts for 17% of French cosmetics exports.

Rate this post / esprimi il tuo voto
May 092017 Gossip
 

numero-uno

GLOBElife.com si riconferma
il PORTALE della moda-capelli  n. 1 al mondo

Tutto ciò che desideri sapere sul settore della moda capelli:

i migliori prodotti e accessori professionali
le più belle riviste
le fiere di settore
le notizie di mercato
le migliori Aziende e i migliori Distributori
e molto altro ancora…

Rate this post / esprimi il tuo voto
May 052017 Gossip
 

vogue-2017

I 100 migliori Parrucchieri d’Italia
sono pubblicati su VOGUE ITALIA 
in edicola dal 9 Maggio.

Consegna il BUONO contenuto nella rivista

avrai diritto a un CHECK-UP GRATUITO
nel Salone più vicino a te

e in OMAGGIO
un bellissimo gadget per i tuoi capelli

Che aspetti ? Celebra il mese della Bellezza !

 

I Top Hairstylists 2017:

PIEMONTE
AL – TORTONA – ANGELO GIORDANO – VIA LORENZO PEROSI 8 – 0131 862723
NO – BORGOMANERO – LUIGI BURATTI – VIA CANETO 58 – 0322 841193

LIGURIA
GE – GENOVA – TOP HAIR – VIA MARAGLIANO 36 ROSSO – 010 565628

LOMBARDIA
BG – GRUMELLO DEL MONTE – FRANCESCO STILE – VIA FACHERIS 36 – 035 4420662
BS – ISEO – ENRY’S I PARRUCCHIERI – VIA NINFEA 92 – 030 980022
CO – COMO – DANIELA VACCARO – PIAZZA DEL TRICOLORE 1 – 031 521455
LC – LECCO – CHRISTIAN COLUCCIO ESTETICA E BENESSERE – VIA RISORGIMENTO 44 – 0341 283264
LC – LECCO – CHRISTIAN COLUCCIO STILISTA – VIA TONIO DA BELLEDO 4 – 0341 362328
VA – LONATE POZZOLO – STUDIO LINE – VIA ROMA 4 – 0331 661034
VA – VARESE – NOTTURNO BACKSTAGE – PIAZZA XX SETTEMBRE 1/2 – 0332 830866

VENETO
TV – MONTEBELLUNA – ANTONELLA PARRUCCHIERI – VIA CASTELLANA 23 – 0423 23322
VE – MIRA – GRIFF PARRUCCHIERI ESTETICA – VIA DANTE ALIGHIERI 16 – 041 423025
VE – SAN DONA’ DI PIAVE – SALONE ALESSANDRA – VIA CALNOVA 10 – 0421 41238

EMILIA ROMAGNA
BO – BOLOGNA – ALBERT EQUIPE – GALLERIA RENO 3 ANG. VIA MARCONI 51 – 051 239147
BO – BOLOGNA – ROCCO PARRUCCHIERI – VIA IRNERIO 13 – 051 247401
FE – FERRARA – YUFORIA HAIRSTYLIST – VIA VENEZIANI 63 – 0532 93666
MO – MARANO S. PANARO – L’ANGOLO LA PARRUCCHIERIA 12 – VIA ZENZANO 12 – 059 793382
MO – MODENA – IMMAGINE BY CARLA BERGAMASCHI – VIA LIVIZZANI 9 – 059 218900
PC – FIORENZUOLA D’ARDA – GIOVANNI HAIR FASHION – VIA ROMA 24 – 0523 983190
PR – PARMA – ROBERTO GOZZI PARRUCCHIERI – VIA COCCONCELLI 1 – 0521 386605
RE – CASTELLARANO – AVANT GARDE PARRUCCHIERI – VIA RADICI NORD 56 – 0536 850509

TOSCANA
AR – AREZZO – ATELIER EGIDIO BORRI AREZZO – VIA A. DAL BORRO 38/A – 0575 370470
AR – MONTEVARCHI – ATELIER EGIDIO BORRI – VIA G. LEOPARDI 31/E – 055 900200
AR – SAN GIOVANNI VALDARNO – SABRINA by EGIDIO – VIA MONTEGRAPPA 35 – 055 940044
AR – SANSEPOLCRO – GOCCE MODA CAPELLI – VIA CAMPO SPORTIVO 20 – 0575 740816
FI – FIRENZE – MARA by EGIDIO – VIA SAN MARINO 11 R – 055 6531951

UMBRIA
PG – PERUGIA (SAN SISTO) – MARCO & MARCO by EGIDIO – VIA DONIZETTI 91/L – 075 5280066

MARCHE
AN – SENIGALLIA – DANILO PERLINI – VIA DEI GAROFANI 2 – 071 7920466
FM – FERMO – HAIRDRESSERSANDBEAUTY – VIALE TRIESTE 43 – 3467140550

ABRUZZO
TE – ALBA ADRIATICA – EDDY PARRUCCHIERI – VIA DUCA degli ABRUZZI, 28 – 0861 751969

LAZIO
FR – ANAGNI – VALERIO HAIRSTYLE – VIA CASILINA KM 62,700 – 0775 769136
RM – ROMA – ACCONCIATURE PIETRO GALANTE – VIA A. TEBALDI 42/C – 06 35501771
RM – ROMA – LE TESTE AD ARTE – VIA LUCIANO ZUCCOLI 32 – 06 87135162

CAMPANIA
AV – ARIANO IRPINO – JOSE’ SAMELE MAESTRO D’ARTE – VIA TORANA 1 (1° P) – 0825 824962
BN – BENEVENTO – ANGELO ISCARO – VIA DELLE PUGLIE 28 – 0824 47960
CE – CASERTA – GIOVANSANTE HAIR – VIA F. PAGANO 3 – 0823 325352
NA – TORRE DEL GRECO – PARRUCCHIERI GALANTUOMO – VIA NAZIONALE 991 – 081 8473756

PUGLIA
TA – TARANTO – ANGELO LABRIOLA ART DELUXE SPA – VIA DUCA D.ABRUZZI 19 – 099 4714303

CALABRIA
CS – COSENZA – HAIR CLUB – VIA MANCINI 22 – 0984 780076
CS – COSENZA – ORRICO STYLE – VIA PANEBIANCO 546 – 0984 35137
CZ – LAMEZIA TERME – PARRUCCHIERE PINO – VIA XX SETTEMBRE 11 – 0968 26123
CZ – LAMEZIA TERME – PINO CORTESE – VIA ALDO MORO 40/E – 0968 27708

SICILIA
PA – PALERMO – GP PARRUCCHIERI – VIA DANTE 28 – 091 321759
PA – PALERMO – PIERRE – VIA CERDA 11 – 091 6127025
PA – PALERMO – PINO CIACIA PARRUCCHIERI – VIA UDITORE 4/H – 091 406561
PA – TRAPPETO – BADAGLIALACQUA PARRUCCHIERI – VIA G. ROSSINI 53 – 091 8788983

SARDEGNA
CA – CAGLIARI – TONI HAIR STYLE – VIA MARCHE 18 – 070 491393

vogue-italia

Rate this post / esprimi il tuo voto
May 042017 Gossip
 

beauty_bazar

BEAUTY BAZAR 2017

LA VETRINA DEI MIGLIORI PRODOTTI PER L’HAIRSTYLING 

BOOK di 408 pagine di prodotti e accessori professionali 
per Parrucchieri ed estetica divisi nelle categorie:

Estetica: viso e corpo
Colorazione: tinture ad ossidazione
Tono su tono – Shampoo Color – Colori Diretti – Riflessi duraturi
Decoloranti e Schiarenti
Ossidanti e Sviluppatori del Colore
Permanenti e Stiranti
Trattamenti e Cure
Gel e Finish
Prodotti e Formati Speciali
Accessori e Attrezzature
Arredamento e Design

Al suo interno anche la sezione MODA,

con  oltre 200 splendide immagini di acconciature
firmate dai più grandi Hairstylists internazionali.

clicca e scoprilo anche on line !



Rate this post / esprimi il tuo voto
Oct 192016 Gossip
 

coty-ghd

COTY (proprietaria di WELLA), una delle più grandi Aziende al mondo nel settore cosmesi, acquisisce GHD, marchio leader nella produzione di piastre e apparecchiature per capelli. La transazione, (del valore di circa 510 milioni di dollari) rafforza ulteriormente la posizione di leadership mondiale di Coty nella categoria Professional Hair.

Con l’ingresso delle linee GHD si prevede che COTY rafforzi ulteriormente la sua posizione di leader a livello mondiale nella categoria professionale dei capelli.

GHD, acronimo di “Good Hair Day,” ha generato 178 milioni di sterline di fatturato nell’anno fiscale 2016.

GHD ha sede a Londra e sviluppa operazioni commerciali nel Regno Unito, Australia, Stati Uniti, Germania, Francia, Spagna, Italia e molti altri mercati. La società si sta espandendo dal suo canale principale dei saloni verso punti vendita premium ed e-commerce.

GHD entrerà a far parte della divisione COTY PROFESSIONAL BEAUTY, dove sarà gestita come un business indipendente, guidato dal suo attuale CEO Anthony Davey e il suo management team.

Anthony Davey riporterà a Sylvie Moreau, Presidente di COTY PROFESSIONAL BEAUTY.

Rate this post / esprimi il tuo voto

Discover all the articles
Scopri tutti gli articoli

@coty @ghd
Jul 222016 Gossip
 

Nel settore cosmetico italiano il 2016 inizia in modo positivo: alla fine dell’anno si stima che il valore del mercato sarà prossimo ai 9.900 milioni di euro, con una lieve ma positiva crescita, registrata sia sui valori che sulle quantità.

Inizia la lenta ripresa del canale profumeria, che aveva vissuto un momento negativo. In evidenza le vendite dirette, che incorporano la forte crescita dell’e-commerce. Grazie all’ulteriore dinamica delle esportazioni, il fatturato globale del settore, cioè il valore della produzione, a fine anno supererà i 10.500 milioni di euro, con una crescita di cinque punti percentuali, ancora una volta favorito dalla competitività dell’offerta italiana sui mercati esteri. Il valore delle esportazioni supererà, infatti, i 4.200 milioni di euro, con una crescita stimata di oltre undici punti percentuali.

Le prospettive di crescita dell’economia mondiale si confermano moderate: tra i paesi industrializzati, l’economia degli Stati Uniti è attesa registrare una lieve accelerazione su ritmi espansivi del PIL di poco superiori al 2% medio annuo a partire dal 2017.  In Europa la crescente incertezza imporrà un rallentamento nel 2017-’18; gli investimenti saranno la componente più penalizzata, a fronte di un impatto più limitato per i consumi delle famiglie. A mitigare l’intensità del rallentamento dovrebbero contribuire l’orientamento espansivo delle politiche economiche e il deprezzamento dell’euro atteso nel 2017. Tra i mercati emergenti si prevede un’espansione robusta dell’India, intorno al 7% medio annuo, mentre per la Cina è confermato uno scenario di rallentamento.

Gli indicatori industriali, investimenti in innovazione in primis, segnano andamenti costantemente in crescita, così come gli investimenti in allargamento della capacità produttiva, indice di un clima con prospettive ottimistiche. Nell’industria cosmetica si riduce il dualismo tra aziende in crescita e aziende in crisi e, in riferimento alla domanda, quella tra mercato interno (in ripresa) e mercato estero (in costante espansione).

evoluzione-industria

 

È comunque ancora la componente estera della domanda che impatta sulla crescita dei fatturati anche per il 2016: le esportazioni, infatti, segnano una proiezione del +11%, per un valore superiore ai 4.200 milioni di euro.

esportazioni

 

L’andamento del mercato cosmetico italiano riprende a crescere. L’analisi dei trend dal 2009 a oggi registra, infatti, una crescita media annua dello 0,7%, ben al di sopra degli andamenti registrati dai settori dei beni di consumo contigui alla cosmetica. Il peso del mercato interno sui valori di produzione risente sicuramente di nuove dinamiche da parte dei consumatori, sempre più sensibili alla multicanalità, attratti dalle nuove forme di vendita online, ma soprattutto desiderosi di soddisfare nuove realtà di shopping experience come i monomarca e i canali specializzati.

canali

Nel settore acconciatura professionale la generalizzata diminuzione dei passaggi in salone da oltre cinque anni ha condizionato il canale professionale dell’acconciatura, che ha faticato a modificare l’approccio a una clientela sempre più esigente e attenta al servizio. Nel corso della recente rilevazione si annuncia l’inversione di segno: si passa, infatti, dal -2,2% del 2015 al +0,5% del primo semestre e al +1% del secondo semestre del 2016; premiando il lavoro di fidelizzazione e rimodulazione dei servizi che alcuni acconciatori hanno avviato, anche con maggiore attenzione alla rivendita.  Si dilata la contrapposizione, a due velocità, tra i saloni in grado di avvicinare nuovi consumatori con politiche di fidelizzazione e promozione e quelli che faticano a rinnovare il servizio, sicuramente perché meno avvezzi alle mutazioni.

Di buon auspicio le indicazioni dei contoterzisti che segnalano la crescita del 4%, e nelle previsioni per il secondo semestre, +4,5%. Grazie alle loro indicazioni si può comprendere l’evoluzione di medio-lungo periodo dei canali a valle, anche se, inevitabilmente, sul sentimento degli intervistati incide l’andamento dei mercati internazionali, storicamente il primo canale di sbocco dei terzisti italiani che esportano oltre l’80% della loro produzione.

Gli investimenti in comunicazione nel 2016 risultano stabili con il 54% contro il 30% dello scorso semestre, dopo l’aumento registrato nell’anno precedente: le previsioni di aumento scendono dal 60% del dicembre 2015 al 43% attuale, mentre quelle in diminuzione passano dal 8% al 4%. Viene confermato l’andamento degli investimenti pubblicitari di comparto, sempre più multicanale e naturalmente orientati verso il web e i social media: le campagne di comunicazione virale, branding e social care delle aziende proseguono l’attenzione all’evoluzione dei mezzi di comunicazione.

export

 

La classifica delle famiglie di prodotti italiani più esportati nel mondo, vede al primo posto i prodotti per capelli, con un valore di oltre 750 milioni di euro (+13%), seguiti dai prodotti per il trucco, 704 milioni (+17%).

logo-cosmetica

Rate this post / esprimi il tuo voto
Jul 092013 Gossip
 

Dall’analisi che COSMETICA ITALIA, Associazione italiana delle Imprese Cosmetiche, ha effettuato tra i Parrucchieri italiani, emerge un quadro di pessimismo. La crisi è fortemente percepita dal settore, il che si è tradotto in una forte riduzione del personale nei Saloni (il 12% dei Saloni ha effettuato tagli tra i dipendenti). Continuano però ad aumentare i prezzi dei servizi (il 22% dei Saloni ha ritoccato il listino). Molti i professionisti che hanno scelto di reagire al periodo di difficoltà in maniera propositiva: il 30% effettua promozioni sui servizi, il 21% ne ha introdotti di nuovi, il 19% ha rinnovato gli allestimenti, il 9% ha aumentato le ore di apertura ed ha adottato prodotti tecnici più prestigiosi.
La principale richiesta che i Parrucchieri rivolgono alle Aziende produttrici di cosmetici e accessori professionali è di tipo commerciale: prodotti in esclusiva, agevolazioni sulle condizioni di acquisto, prezzi convenienti.

Dall’indagine emerge in particolare che i Parrucchieri sentono la mancanza di materiale promozionale e pubblicitario, ed è proprio questa la leva su cui le Aziende dovrebbero spingere per acquisire nuovi clienti.

Rate this post / esprimi il tuo voto

Discover all the articles
Scopri tutti gli articoli

@cosmetica italia @indagine @mercato @parrucchieri italiani
Dec 202012 Gossip
 
Unipro
La rilevazione congiunturale di fine 2012 consegna una situazione sicuramente meno ottimistica rispetto ai precedenti esercizi e conferma il sentimento degli operatori intervistati, orientati verso una moderata valutazione del mercato interno e preoccupati per la contrazione di alcuni fondamentali indicatori. Il mercato italiano dei cosmetici è toccato da quei freni che già da tempo incidevano sulla propensione al consumo di larghe fasce di consumatori, senza tuttavia raggiungere i livelli di crisi e stagnazione di altri comparti contigui come la moda, la calzatura, e l’home entertainment. A fine anno il valore del mercato tocca i 9.700 milioni di euro con una contrazione di poco più di un punto percentuale.
Unipro
Unipro
Unipro
Unipro
Unipro
Rate this post / esprimi il tuo voto

Discover all the articles
Scopri tutti gli articoli

@2012 @analisi congiunturale. mercato @economia. secondo semestre @trend economico @unipro
hairdresser's journal
giornale del parrucchiere magazine professionale
giornale del parrucchiere official site