.
You are the visitor n. 107554898
< Home
Apr 032018 Gossip
 

manager salone

Quali sono le qualità che deve avere un buon manager?

  1. Avere senso di organizzazione per gestire le varie richieste e necessità.
  2. Sviluppare buone attitudini relazionali per dirigere un’equipe e dei clienti.
  3. Dare prova di spirito creativo per sviluppare strategie di marketing innovative.

Per poter diventare manager, tuttavia, non basta solo la pratica. Servono anche tutta una serie di competenze teoriche di gestione aziendale che si imparano presso istituti professionali che insegnano come gestire un’attività a 360°. 
Come realizzare un piano marketing, fondamenti di contabilità, gestione degli impiegati, comunicazione e psicologia per anticipare i desideri della clientela e gestire eventuali reclami. Per diventare professionisti, quindi, non basta il denaro, ma serve tutta una serie di competenze verticali che permettono al manager di formarsi a tutto tondo per diventare un imprenditore di successo.

 

 

 

Rate this post / esprimi il tuo voto
Mar 302018 Gossip
 

l'oreal _denis_simonneau

Denis Simonneau rejoint L’Oréal en tant que delegué général aux relations institutionnelles du Groupe à compter du 1er avril 2018. Conseiller diplomatique puis directeur en charge des relations européennes et internationales puor le groupe Engie depuis 2009, Denis Simonneau succède à Loic Armand.

Denis Simonneau entra a far parte di L’Oréal come delegato generale per i rapporti istituzionali del Gruppo a partire dal 1 aprile 2018. Consigliere diplomatico e poi direttore responsabile delle relazioni europee ed internazionali per il gruppo Engie dal 2009, Denis Simonneau succede a Loic Armand.

Rate this post / esprimi il tuo voto
Mar 302018 Gossip
 

come fare un listino prezzi

Scegliere un tariffario coerente che sia competitivo ed attraente (per il pubblico) è la chiave del successo di qualsiasi negozio di coiffure. Non esistono regole di base per stilare un listino prezzi, tuttavia ci sono delle semplici linee guida da seguire per evitare gli errori.

  1. Non allinearsi alla concorrenza. Molto spesso i neo-imprenditori, prima di stabilire un listino prezzi cercano le tariffe applicate dai concorrenti e le emulano pensando di utilizzare una buona strategia di marketing. Niente di più sbagliato. Ogni salone deve istituire un listino prezzi sulla base dei servizi, delle competenze e della qualità dei prodotti utilizzati.
  2. Analizzare la zona geografica in cui si aprirà la nuova attività ed il target della clientela. Prendere in considerazione questi due parametri è fondamentale per il successo di un’attività. Se si apre il Salone in una zona urbana si ha la possibilità di scegliere di mantenersi in fascia economica o di puntare all’eccellenza ed attrarre conseguentemente un target di clientela più vario o più esclusivo.
  3. Calcolare il costo/ora. Per poter coprire tutte le spese tecniche di apertura e mantenimento di un Salone è necessario determinare quanto quel Salone consumi in termini monetari ogni ora. Analizzate quindi quanto spendete in affitto, mutuo, corrente, luce, acqua, prodotti, ecc. per decidere di creare un listino prezzi coerente con le spese sostenute, cosicché possiate pagare gli stipendi, coprire le spese ed avere un guadagno personale.
  4. La regola dell’euro/minuto. Molti titolari di Saloni calcolano che ogni minuto investito in una cliente valga 1€. Capirete perché questa strategia non sia applicabile a tutte le clienti ed in tutti i saloni. Se avete investito molto nel vostro Atelier 1€ per minuto, probabilmente, non sarà sufficiente a rientrare economicamente ogni mese, mentre invece questa regola sarà appropriata per i saloni di fascia media.
  5. Scegliere bene i propri marchi. La scelta dei brand da utilizzare in salone è un elemento fondamentale quando si tratta di stilare un listino prezzi. Più i prodotti sono di alta gamma, più i prezzi dovranno essere elevati. Tuttavia proporre prodotti di alta qualità comunica fiducia alla cliente che potrebbe decidere che una spesa maggiore sia un piccolo investimento in termini di bellezza e salute.
  6. Rivolgersi a dei professionisti del settore se non si è sicuri della strategia di marketing da utilizzare. Soprattutto i giovani imprenditori dovrebbero fare tesoro di questo consiglio, perché scegliere una buona strategia di marketing in partenza è sempre meglio che doverla correggere negli anni dopo quando si è già creato un danno d’immagine, spesso irreparabile.
Rate this post / esprimi il tuo voto
Mar 292018 Gossip
 

 facebook scandalo

Dall’inizio dello scandalo sull’uso dei dati personali dei propri utenti, Facebook ha perso oltre 80 miliardi di dollari in termini di capitalizzazione. Il titolo, complessivamente, ha perso il 18% del suo valore.

Mark Zuckerberg, ad oggi, è più povero di 14 miliardi. L’onda lunga Facebook ha travolto anche i titoli tecnologici di Wall Street con Twitter che perde il 12,03% – Google il 4,47% – Microsoft il 4,6% – Amazon il 3,78% ed Apple il 2,65 %

Rate this post / esprimi il tuo voto
Mar 282018 Gossip
 

non basta vendere

Non basta solo vendere, sebbene sia l’obiettivo di ogni Azienda.

Oggi è importantissimo dare visibilità ai brand e dare valore ai prodotti.

Rate this post / esprimi il tuo voto
Mar 232018 Gossip
 

leader

Non sono ancora state scritte le regole di chi sarà il prossimo leader di mercato fra le Aziende.

Aspettiamo con ansia che si faccia avanti qualcuno.

Rate this post / esprimi il tuo voto
Mar 212018 Gossip
 

finita-la-crisi

Girando gli stand del COSMOPROF viene spontanea una domanda:
È finita la crisi?

Visto quanto sono belli e costosi gli stand verrebbe da dire che siamo in netta espansione… ma dai numeri dei fatturati delle Aziende a noi non risulta ! A noi sembra, invece, che tutte le risorse presenti e future di parecchi brand siano state investite in questa kermesse di 4 giorni.

Ovviamente riteniamo che queste scelte siano giuste e che facciano bene al settore, perché portano positività e favoriscono l’ottimismo di tutto e di tutti. Speriamo fermamente e ce lo auguriamo fortissimamente che i giorni a venire siano rosei per il comparto della bellezza, parrucchieri compresi.

Rate this post / esprimi il tuo voto
Mar 202018 Gossip
 

facebook-perde-valore

In seguito al datagate che ha investito Facebook il titolo e’ arrivato a perdere oltre il 7% in borsa, mai così male dal 2012, trascinando in basso Wall Street. La tensione nel quartier generale di Menlo Park, nel cuore della Silicon Valley, si taglia con il coltello. L’accusa è grave, ed è quella di aver ignorato o, ancor peggio, di aver tenuto all’oscuro gli utenti su quanto accaduto: le informazioni su oltre 50 milioni di persone raccolte attraverso un’app da una società di ricerche, la Global Science Research (Gsr) e vendute alla controversa Cambridge Analytica, azienda che ha lavorato per la campagna di Donald Trump. Non solo: quelle informazioni sarebbero state usate anche per influenzare il voto sulla Brexit. Le autorità britanniche hanno già chiesto un mandato di perquisizione della Cambridge Analytica, accusandola di non collaborare. L’obiettivo è quello di scandagliare anche i server della società. Intanto la polemica sul “ruolo politico” di Facebook fa un salto di qualità enorme e stavolta rischia di travolgere il gioiello fondato da Zuckerberg che conta nel mondo oltre due miliardi di utenti.

Si fa sentire anche l’ira di Bruxelles: “Il cattivo uso per fini politici di dati personali appartenenti agli utenti di Facebook, se confermato, è inaccettabile, spaventoso“. Intanto, la vicenda Cambridge Analytica, si sta riverberando sulla politica italiana, poiché la società è stata consulente di un partito politico del nostro paese: l’utilizzo di dati personali e psico-attitudinali a fini politici, in violazione della privacy di milioni di persone, è un tema su cui una democrazia matura ha il dovere di interrogarsi.

Rate this post / esprimi il tuo voto
Mar 132018 Gossip
 

brand cosmetici

I brand importanti, per differenziarsi dalla moltitudine di “marche private label”, devono presentare sul mercato prodotti con un design d’avanguardia, unico, nuovo, con declinazioni di colore e forme inusuali.

Solo così, almeno alla vista, la qualità e lo sviluppo della marca possono continuare ad essere premiati rispetto alle private label che rincorrono solo prezzo e volumi.

Meglio ancora sarebbe per i brand iconici avere collaborazioni oltre che nel design anche nell’arte.

Rate this post / esprimi il tuo voto
Mar 132018 Gossip
 

prodotti naturali

Abbiamo visto dei messaggi pubblicitari relativi a prodotti professionali per parrucchieri che enfatizzano il fatto di essere naturali al 92% …

Certo, la parte naturale è ACQUA!

Rate this post / esprimi il tuo voto
hairdresser's journal
giornale del parrucchiere magazine professionale
giornale del parrucchiere official site