.
You are the visitor n. 111860522
< Home
May 052020 Gossip
 

OM SYSTEM propone soluzioni per ogni Salone

om system

OM SYSTEM, azienda specializzata nella produzione di accessori professionali per parrucchieri di Pomposa di Codigoro (Ferrara), propone un’ampia gamma di prodotti e dispositivi per la Salute e Sicurezza, prodotti monouso, prodotti igienizzanti:

GUANTI MONOUSO – MASCHERINE CHIRURGICHE – DISINFETTANTI LIQUIDI – DISINFETTANTI SPRAY – ASCIUGAMANI in CARTA monouso – VELINE COSMETICHE – MANTELLE monouso – KIMONO monouso – DIVISORI per AMBIENTI – COLONNINE per DISPENSER lavamani igienizzanti – BARRIERE PARAFIATO su MISURA – STRUTTURE in PLEXIGLASS per LAVATESTA etc …

dispositivi di protezione

CONTATTI


Telefono 0331 1706328 | info@globelife.com

5 (100%) 1 vote[s]
May 052020 Gossip
 

Preparati per la riapertura !

no ozono
sanificazione ambientale

KILLER VIRUS
è il decontaminatore ambientale che utilizza una tecnologia avanzata per la sanificazione dell’aria da virus e batteri. Integra perfettamente i dispositivi interni di protezione oggi consigliati come maschera chirurgica, occhiali protettivi, guanti chirurgici, copri-scarpe, igienizzante mani, etc.

dispositivo protezione

CARATTERISTICHE e BENEFICI
della TECNOLOGIA AMERICANA
(già USATA dalla NASA per le sue navicelle)
 per la SANIFICAZIONE e DECONTAMINAZIONE AMBIENTALE
KILLER VIRUS

  • La tecnologia di KILLER VIRUS distrugge oltre il 99,9% di tutti i contaminanti presenti sulle superfici e nell’aria.
  • Distrugge COVbatterivirusfumo e odori
  • Riduce i portatori di contaminazione e gli allergeni trasportati dall’aria che possono scatenare asma e sintomi allergici.
  • Ogni ora riesce a decontaminare in continuità un volume di ambiente tra i 140m2 e 160m2.
  • Semplice da installare
  • Non necessita di prodotti chimici aggiuntivi.

COME FUNZIONA KILLER VIRUS

è un dispositivo per la filtrazione e disinfezione continua dell’aria interna e quella intorno alla persona. Processa fino a 410 m3/h di aria interna in fasi diverse. Dapprima l’aria è filtrata con filtri HEPA che trattengono il 99,9% di micro particelle fino a 0,1 micron e poi trattata con un processo di fotocatalisi in TiO2 con luce UVC con Band-Gap.

IMPORTANTE:
KILLER VIRUS non annulla gli obblighi di legge sull’utilizzo degli accessori prescritti (maschere, guanti, etc.) ma ne completa gli effetti in maniera totale e globale nella sanificazione dell’ambiente.

Prepara la RIAPERTURA
del tuo SALONE
nel miglior modo possibile e sicuro
per TE e per i tuoi CLIENTI

CONTATTACI
telefono: 0331 1706328 | e-mail: info@globelife.com

L’articolo raffigurato è puramente indicativo. Non è ancora commercializzato al pubblico ma è distribuito in presidi sanitari. Sono però possibili le prenotazioni.

andratuttobene
Rate this post / esprimi il tuo voto
May 042020 Gossip
 
maletti rai uno

GUARDA IL VIDEO

È andato in onda su RAI UNO durante la trasmissione ITALIA SÌ un servizio dedicato al settore del parrucchiere su come affrontare la riapertura dei saloni. Una nota azienda di arredamento ha presentato una serie di NUOVI DISPOSITIVI ideati per rispondere all’esigenza di proteggere il rapporto parrucchiere/cliente dal momento dell’ingresso, alla postazione lavaggio, a quella tecnica fino all’uscita dal salone. Sono idee che si affiancano ad altre che in questo momento si stanno sviluppando sul mercato.

È un gran passo fatto dall’azienda emiliana a favore dell’intera categoria. Un ringraziamento è sicuramente dovuto per la velocità di queste idee. Bravi!

Rate this post / esprimi il tuo voto

Discover all the articles
Scopri tutti gli articoli

@COVID-19 @maletti @parrucchiere @parrucchieri @riapertura negozi @riapetura @salon @saloni
May 042020 Gossip
 

OZONO : Rischi e dubbi sull’efficacia del trattamento per la sanificazione

tosse coronavirus

I trattamenti con l’OZONO per “ sanificare ” gli ambienti oppure la ozonizzazione fai-da-te sono davvero attendibili ? Il MINISTERO dell’INTERNO sostiene che ” … i dispositivi di disinfezione mediante ozono, al momento non sono da ritenersi efficaci ai fini della sanificazione dei veicoli (evidentemente il riferimento è a quelli della Pubblica sicurezza, ndr) nella contingente emergenza Covid-19 …″ .

Secondo Marco Benedetti, presidente dell’ANID – Associazione Nazionale delle Imprese di Disinfestazione – l’OZONO non è ancora autorizzato in ambito civile in quanto non è ancora classificato né come biocida né come presidio medico-chirurgico.

Alcune ricerche hanno dimostrato che gli effetti dell’OZONO sulla Salute possono essere di vari tipi, sempre a carico delle vie respiratorie.

I trattamenti all’OZONO possono:

  • irritare le vie respiratorie,
  • ridurre la funzione polmonare,
  • aggravare alcune patologie respiratorie tra le quali l’asma,
  • provocare l’infiammazione del sottile strato di cellule
    che riveste le vie respiratorie.
tosse secca coronavirus

Inoltre alcuni studi sugli animali dimostrano che l’OZONO può ridurre la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni batteriche nel sistema respiratorio.

Se associato ad altri ossidanti fotochimici, di biossido di zolfo e di biossido di azoto, l’azione dell’ozono viene sempre potenziata per effetto sinergico, provocando gravi conseguenze (nei casi estremi anche la morte).

I ricercatori sono comunque concordi nel ritenere che anche i danni a breve termine dovuti ad una esposizione ripetuta ai trattamenti dell’OZONO, possono danneggiare in modo permanente l’apparato respiratorio. Per esempio, l’azione ripetuta sui polmoni in via di sviluppo dei bambini può portare ad una ridotta funzionalità polmonare da adulti.

In ogni caso è da sottolineare il fatto che ci sono soggetti più sensibili quali soggetti asmatici, chi soffre di patologie polmonari e cardiovascolari e più in generale gli anziani, le donne incinte, i bambini, chi fa attività fisica sostenuta all’aperto.

CONTATTACI per MAGGIORI INFORMAZIONI
telefono: 0331 1706328 | e-mail: info@globelife.com

Woman photo created by freepik – www.freepik.com

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 292020 Gossip
 
chiavi consegna

ERCOLANO – I Rappresentanti delle categorie Parrucchieri e Barbieri ANTONIO IENGO e FRANCESCO LOPEZ hanno consegnato le CHIAVI delle loro attività

Consegna-chiavi-parrucchieri-ercolano

La categoria dei parrucchieri e dei barbieri di Ercolano, Comune del Napoletano, rappresentata da Antonio Iengo e da Francesco Lopez, ha voluto mandare un forte segnale a tutti i colleghi della penisola e alle autorità governative consegnato le chiavi di tutti gli esercizi (di parrucchiere e barbiere) al primo Cittadino l’Avvocato Ciro Buonajuto.

Le motivazioni e i punti trattati nell’incontro sono di seguito espressi:

•          Richiesta di rappresentanza nelle opportune sedi governative del primo cittadino, il quale si è mostrato molto partecipe e attivo nell’intraprendere questa battaglia in difesa dei diritti della categoria. Infatti, in data odierna ha provveduto ad inviare al Presidente del Consiglio Dei Ministri una lettera chiedendo a gran voce di rivedere la decisione sulla data di riapertura. Seguito poi da altri sindaci dei comuni limitrofi.

•          Contrasto all’abusivismo, fenomeno dilagante, che a seguito dell’ordinanza della Regione Campania del 10 Marzo ha coinvolto non solo i reiterati soggetti evasori ed abusivi, ma gli stessi titolari dei saloni. Tutto ciò risulta deleterio per la categoria in quanto i soggetti che circolano liberamente di casa in casa possono essere dei pericolosissimi conduttori del Virus COVID-19, rallentando sia le aperture delle attività artigianali del luogo e sia erodendo un grossa fetta del fatturato alla riapertura.

La grande speranza è che questo gesto possa fare da motore propulsore per tutti gli appartenenti alla categoria in modo da arrivare con un messaggio diretto e chiaro al Governo. La categoria non chiede niente di eccezionale o di infattibile, ma chiede di essere equiparata agli altri settori produttivi e di non subire questa grossa discriminazione.

Background photo created by drobotdean – www.freepik.com

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 292020 Gossip
 
riapertura saloni

Saranno insostenibili le conseguenze su un settore economico grande e frammentato, costituito in gran parte da piccole imprese già in ginocchio“: così si esprime l’associazione di categoria Cosmetica Italia sulla misura che sbarrerebbe le porte dei saloni di acconciatura ed estetica fino al 1 giugno.

Le conseguenze saranno la cessazione definitiva di circa un terzo delle attività – fino a 50.000 negozi, con la probabile ricaduta occupazionale per oltre 100.000 addetti, e la diffusione di lavoro nero a domicilio senza controlli e senza sicurezza, con il pericolo di incrementare i contagi che invece le misure predisposte vorrebbero evitare.
 L’attività di parrucchieri e centri estetici genera un volume di affari che supera i 6 miliardi di euro e impiega oltre 263.000 addetti.

Il 90% delle 130.000 imprese è costituito da unità con una media di 2 persone occupate all’interno dei Saloni, capaci di generare fatturati e margini appena sufficienti a garantire la gestione giornaliera dell’attività. 

People photo created by prostooleh – www.freepik.com

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 292020 Gossip
 
barber

Il trend della barba di recente aveva raggiunto proporzioni globali. Poi è arrivato l’emergenza CORONAVIRUS e con esso la chiusura dei barber shop per il lockdown e, più recentemente, la notizia che le mascherine di protezione dal virus potrebbero essere meno efficaci se indossate in presenza di una folta peluria o barba sul viso.

La peluria non deve fuoriuscire dal bordo della mascherina per non impedire l’adesione alla pelle di dispositivi e respiratori, per evitare che l’aria non venga filtrata in maniera perfetta.

Gli operatori sanitari dovrebbero radersi il viso in questo periodo di emergenza” hanno commentato i chirurghi americani al New York Times.

In piena emergenza Covid-19, sui foglietti allegati alle mascherine di protezione in stoffa morbida di tipo ffp2 si legge “…non usare con barba, basette o baffi che potrebbero impedire una buona tenuta del respiratore sul volto”.

Sconsigliate le barbe folte alla Garibaldi e quelle da hipster. La moda della barba sicuramente dovrà aspettare tempi migliori.

Fonte: ANSA | Lifestyle | Beauty&Fitness

People photo created by senivpetro – www.freepik.com

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 292020 Gossip
 

La 53esima edizione del COSMOPROF di Bologna è stata rinviata al prossimo anno

cosmoprof

L’attuale scenario economico – sociale e le situazioni di crisi da COVID-19 in tutto il mondo impongono anche ad una Fiera Internazionale di settore importante come il COSMOPROF WORLDWIDE di Bologna (Italy) di posticipare a nuova data prevista per la PRIMAVERA del 2021.

5 (100%) 1 vote[s]
Apr 292020 Gossip
 
parrucchieri-giugno

Dopo le disposizioni sulla FASE 2 da parte del Governo per l’emergenza CORONAVIRUS, sale lo scontento e l’indignazione dei Parrucchieri che vedono slittare la riapertura dei loro saloni addirittura al 1 giugno. 

Secondo l’ANSA Su 105 mila imprese del settore acconciatura, almeno il 15% infatti non riuscirà a riaprire le porte. Gli acconciatori, arrabbiati e preoccupati non vogliono accettare la decisione. Erano pronti infatti a poter ripartire con le loro attività e servizi per la data del 4 maggio seguendo norme di igiene e protocolli di sicurezza. La rabbia sale per tutto gli imprenditori del settore, oltre a registrare che Saloni e negozi chiusi stanno portando ad un incremento del lavoro in nero.

Fonte: ANSA | Lifestyle | Beauty&Fitness

Man photo created by KamranAydinov – www.freepik.com

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 282020 Gossip
 

PAOLO A. RUGGERI per il RICORSO al TAR : Abbiamo bisogno di VOI !

Clicca sul link e firma la petizione http://chng.it/CjDmHK9c

giuseppe conte

Paolo A. Ruggeri dice : “Il nostro team di legali sta preparando il ricorso urgente al Tar del Lazio contro il Decreto Conte in quanto riteniamo che sia incostituzionale. Per completare rapidamente il ricorso e cominciare a passare all’attacco per far valere i nostri diritti, abbiamo bisogno di voi.
Ci servono:
Ristoratori, Bar, Centri Estetici o Estetisti, Parrucchieri residenti in una delle seguenti regioni: Calabria, Sardegna, Umbria, Puglia, Sicilia, che abbiano le seguenti caratteristiche: locali con un’ampia metratura che possano accomodare clienti nel pieno rispetto delle distanze di sicurezza.”

E continua : “Non sosterrete alcuna spesa, non correrete alcun rischio, non avrete alcuna esposizione mediatica negativa. Vogliamo solo tutelare i vostri diritti e quelli della vostra categoria ricorrendo al TAR in modo urgente per richiedere che venga sospeso/modificato il Decreto Conte e secondo noi abbiamo buone possibilità.”

In questo momento di grande difficoltà per le categorie che partecipano, affollano e danno lustro al nostro evento, abbiamo deciso di farci sentire, tutti insieme, attraverso la condivisione di una petizione, che arriverà al governo, e che non potrà far finta di nulla.

Clicca sul link e firma la petizione http://chng.it/CjDmHK9c

Rate this post / esprimi il tuo voto
hairdresser's journal
giornale del parrucchiere magazine professionale
giornale del parrucchiere official site