.
You are the visitor n. 107920337
< Home
May 292018 Gossip
 

valentino-garavani-linea-beauty

Sarà curata da L’Oréal la linea beauty ed il lancio dei profumi di Valentino in previsione per il 2019.

Proprio ieri la maison romana fondata nel 1960 ha siglato un accordo di licenza globale con L’Oréal per la creazione, lo sviluppo e la distribuzione a lungo termine di profumi e prodotti di bellezza.

Contro la tendenza del “fast beauty” che sta coinvolgendo Estée Lauder e Coty,  la linea cosmetica di Valentino sarà focalizzata sulla generazione dei millennial e si posizionerà nel segmento lusso.

Rate this post / esprimi il tuo voto

Discover all the articles
Scopri tutti gli articoli

@lex market
May 222018 Gossip
 

differenziarsi

“BIG is BAD” grande è cattivo !

L’attenzione dei consumatori, oggi, è sensibile sopratutto su benessere e sostenibilità e, per questo, si sta trasformando la produzione così come la distribuzione.

L’essenza del Marketing dei vari brand è cercare di capire questo consumatore sempre più difficile e per farlo cercano di “focalizzarsi” e differenziarsi nella mente delle persone (perché più ci si differenzia e più si è competitivi): non cercare di essere tutto per tutti !

Rate this post / esprimi il tuo voto

Discover all the articles
Scopri tutti gli articoli

@lex market
May 172018 Gossip
 

bufale-facebook

È tutto falso!

È tutta una grandissima bufala!

Secondo il social network, la quantità di parrucchieri presenti in Italia è 1.242.809, mentre, invece, la CIFRA REALE è decisamente diversa. I parrucchieri, in Italia, sono 89.000 (dati dichiarati dalla Camera di Commercio). Come è possibile, quindi, che Facebook rilevi un numero così alto e così diverso da quello reale?

Forse per far spendere di più chi vuole sponsorizzare un post e targettizzarlo sulla categoria professionale degli hairstylists?

La conclusione è sempre che Facebook dichiara il falso con molta, troppa, leggerezza. Ancora una volta veniamo presi in giro da un Social e nessuno dice niente.

QUANTI SOLDI HA RUBATO E STA RUBANDO AGLI INSERZIONISTI ?

P.s. (È possibile che questi numeri gonfiati siano dovuti a quegli operatori che pur di dichiarare tanti follower li comprano o creano profili falsi….. e Facebook li pubblica tutti e fa credere a tutti quel che più gli conviene !)

Rate this post / esprimi il tuo voto

Discover all the articles
Scopri tutti gli articoli

@globelife
May 142018 Gossip
 

cerco-lavoro

Rispondono alle inserzioni, si fanno fissare un appuntamento per un colloquio e NON SI PRESENTANO, né hanno l’educazione di informarti.

Dov’è finito il rispetto del tempo degli altri, il rispetto degli accordi, il rispetto… del lavoro?

Forse, il fatto di essere “DISOCCUPATI” è una situazione meritata e che non va giustificata, ma solo compatita. Per fortuna non tutti sono così, …ma tanti!

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 242018 Gossip
 

private_label

I GROSSISTI puntano sempre più sulla MARCA PRIVATA

Sono in atto ed in continuo sviluppo strategie commerciali e nuovi modi di comunicare con un focus particolare sulla MARCA PRIVATA e l’introduzione di prodotti in linea con trend contemporanei come il bio ed il “plex”.

Centrale nella strategia di sviluppo dei grossisti/distributori di articoli per parrucchieri rimane la MARCA del distributore che nel 2017 ha costituito circa il 20% delle vendite con l’obiettivo di incrementare ancora questa quota.

La MARCA PRIVATA  è oggi una necessità anche per difendersi dall’attacco impressionante dell’E-COMMERCE che tende a svalutare il valore “premium” dei prodotti professionali e la loro distribuzione “selettiva”.

Il settore professionale non può essere giudicato solo per il prezzo, ma anche per una esclusività di prodotto pur considerando che oggi il consumatore è molto diverso rispetto a prima della crisi: consuma meno, ma meglio.

Anche sul fronte della comunicazione i GROSSISTI/DISTRIBUTORI cominciano a considerare l’utilità delle spese pubblicitarie e stanno scoprendo sistemi di comunicazione locale con investimenti in incremento sia su media cartacei provinciali che su radio della zona.

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 242018 Gossip
 

parrucchiere-futuro

È molto probabile che una crisi, pesante, di disoccupazione si sviluppi in un futuro a venire. L’evoluzione dell’intelligenza artificiale e della robotica è tale da far diventare realtà il fatto che centinaia di lavori saranno realizzati da quell’intelligenza e da robot, non più necessariamente dall’uomo. Saranno una marea i lavoratori che perderanno il posto, almeno per un lasso di tempo di non pochi anni. Sarà una rivoluzione.

Comunque non è mai successo che il progresso scientifico e tecnologico non abbia avuto, prima o poi, effetti positivi sulla vita degli abitanti del mondo. Tutti lavoreranno meno. Ci sarà molto più tempo libero a disposizione per coltivare le proprie passioni, aumenterà la creatività. Succederà che il digitale, la robotica, l’intelligenza artificiale in particolare, doneranno un mondo migliore.

In ogni caso il lavoro del parrucchiere ne risentirà poco di questo cambiamento, perché i capelli continuano a crescere e se non crescono si applicano lozioni e si fanno trattamenti per farli rinascere. Il suo lavoro e la sua arte non potranno essere in alcun modo sostituiti dalle macchine e da automatismi perversi.

Che fortuna!!

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 232018 Gossip
 

prodotti-professionali

Sul mercato mondiale ci sono buone prospettive per i prodotti fabbricati in Italia, ma una delle condizioni è che il MARCHIO sia forte e riconoscibile.

Oltre a quello europeo ci sono due mercati importanti per i prodotti italiani, ovvero quello degli Stati Uniti e quello asiatico che hanno una sonora crescita in quanto a consumi.

Nel mercato italiano i consumi di prodotti professionali sono in leggero calo, ma compensati dalla maggiore ricerca della qualità e, quindi, dalla disponibilità a pagare di più.

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 042018 Gossip
 

consumatori-spesa-pubblicità

Perché i parrucchieri non riescono a beneficiare dell’aumentata propensione all’acquisto in questo periodo dei consumatori?

Ci riesce pienamente la GDO (grande distribuzione organizzata) che, con i suoi sistemi di comunicazione, riesce ad attrarre l’attenzione più di altri operatori.

La GDO è riuscita nell’ultimo quadrimestre ad aumentare i volumi ed anche i prezzi: questa è la forza della comunicazione/pubblicità integrata fra TV, web e carta.

Bisogna sottolineare che, anche in mancanza di grandi novità, la GDO non ha mai nè sospeso, nè diminuito la pubblicità. Esattamente il contrario di quello che ha fatto il settore dell’hairstyling.

Riflettiamo! 

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 042018 Gossip
 

debito pubblico

L’economia ha bisogno urgentissimo di interventi concreti e tutti i programmi presentati in campagna elettorale sono inattuabili e contraddittori.

Chiunque sarà il nuovo ministro dell’Economia avrà temi giganteschi da affrontare: la produttività del paese, la sua competitività, il divario crescente tra Nord e Sud, la peggiore disoccupazione e la minore partecipazione al mercato del lavoro dell’area euro, le clausole di salvaguardia (aumenti Iva e accise, già in vigore da anni, ma sempre rinviate e da evitare per non gelare la ripresa), il fiscal compact, la fine dell’acquisto dei titoli pubblici da parte della Bce, la fine del mandato di Mario Draghi, la fine dei tassi quasi zero.

Ma prima di ogni cosa si dovrà cercare di evitare che il peso del debito pubblico trascini l’Italia verso una fine come quella della Grecia: sull’argomento si registra il disinteresse o la distrazione della classe dirigente del Paese, dunque dubito seriamente che sia un’impresa possibile.

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 032018 Gossip
 

parrucchiere_seduzione

Sfortunatamente, il numero di donne che si reca dal parrucchiere continua a calare. Magra consolazione per i parrucchieri: le clienti spendono sempre di più ad ogni visita. In tutto il mondo, il mercato della coiffure sta attraversando un brutto periodo.

Ci sono sempre più spese nei saloni e sempre meno prodotti acquistati. Dal dicembre 2016 sono 140.000 le donne che non si recano più dal parrucchiere e 500.000 gli utenti in meno che acquistano colorazioni e tinte nella gdo. Ogni cliente spende in media 0,15€ in più per ogni volta che si reca dal parrucchiere.

In conclusione l’hairstylist, per fa sì che la cliente ritorni spesso nel suo Salone, è costretto a sedurla con le sue performance tecniche. CHE SFORTUNA !

Rate this post / esprimi il tuo voto
hairdresser's journal
giornale del parrucchiere magazine professionale
giornale del parrucchiere official site