.
You are the visitor n. 108681653
< Home
Oct 252016 Gossip
 

voto

Si ha sempre avuto il sospetto che votazioni e questionari on line fossero facilmente “inquinabili”.
L’ha confermato un “test” fatto da alcuni giornalisti che, in occasione della petizione anti-Brexit promossa dalla Camera dei Comuni Britannica, si sono finti cittadini inglesi consegnando il loro “voto telematico”.

La petizione chiedeva ai cittadini britannici o residenti nel Regno Unito di apporre la loro “firma” nel caso volessero rifare il referendum che ha sancito l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

Il giornalista racconta che è stato facile spacciarsi per un cittadino britannico e divenire uno di quei 3 milioni e 381 mila e rotti sostenitori della petizione.

La Commissione per le petizioni della Camera dei Comuni britannica ha fatto sapere di aver cancellato circa 80 mila adesioni perché qualcosa non le rendeva credibili ma ci si chiede se questo sia sufficiente.
La domanda che ci passa per la testa è scontata e, crediamo, legittima: quante di queste 3 milioni di firme erano “farlocche”? e quante volte una votazione online si presta a queste contraffazioni ?

Questo caso rientra nei numerosi bluff della comunicazione moderna: attenzione !

Rate this post / esprimi il tuo voto

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)

giornale del parrucchiere official site
hairdresser's journal
giornale del parrucchiere magazine professionale
giornale del parrucchiere official site