.
You are the visitor n. 107563769
< Home
Aug 192016 Gossip
 

shopping-1163506_640

Si abbassa l’interesse dei clienti per lo shopping nei negozi fisici.

Il retail tradizionale sta cambiando con la rivoluzione digitale, la realtà dei brand è “omnicanale”.

“Innovare” oggi non significa riempire i negozi di schermi interattivi ma lanciarsi nella realtà virtuali, appoggiarsi a droni e robot che leggano le emozioni dei clienti e direzionare il marketing in questo senso.
La “generazione Z” (13-17enni di oggi), che ha già mandato in prepensionamento i Millennials e la “Generazione X”, entra in un negozio se, accanto allo shopping, trova anche intrattenimento.

Un brand funziona non solo se ha un buon prodotto, ma se per venderlo propone “esperienze”: eventi artistici, scientifici, spettacolari. Certo il “retail emozionale” è costoso, infatti per ora è applicato solo dalle grandi Aziende.
Amazon lavora da tempo su “Prime Air”, il servizio di consegna della merce in 30 minuti via drone, ma il benchmark a cui guardare è la Cina che, superato il social-shopping-online, inverte la tendenza e spinge alla costruzione di mall fisici.

Rate this post / esprimi il tuo voto

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)

giornale del parrucchiere official site
hairdresser's journal
giornale del parrucchiere magazine professionale
giornale del parrucchiere official site