.
You are the visitor n. 111221453
< Home
May 222020 Gossip
 

As we continue to be in lockdown, and the past weeks and months have given us all time to think about our priorities, our dreams and our goals. We’ve all had an opportunity to step back and breathe and realise what’s important. It’s also given us time to think about our careers, passions and ambitions.

TONI&GUY 5 things lockdown has taught us


TONI&GUY international artistic director and head of education, Cos Sakkas, believes being in isolation has made him realise what an amazing industry he works in.

“We’ve been talking to our salons and hairdressers around the world and the camaraderie, belief and humility has been awe-inspiring. There truly is no other industry like hairdressing – and the lockdown has made us all realise just what we offer. We work with amazing people, surround ourselves with positivity and passion and are always there for each other.”

Cos Sakkas’ five things that lockdown has taught us

1 How much you’ve missed hairdressing – the actual physical action of cutting or colouring hair, transforming a head of hair and creating something beautiful, edgy or feminine. Working on a mannequin isn’t the same – there’s no better feeling than seeing your client smile when they look in the mirror.

2 Conversations with your clients – that one-on-one chat about everyday life, their families and their careers, their worries and their dreams. There’s more to your relationship than hair and we realise how important that emotional bond is.

3 Community spirit – social media has brought the world of hairdressing closer together, sharing experiences of lockdown and reopening businesses from around the globe. We’ve shared concerns and worries and working together on solutions.

4 Your team is everything – the people you work with and surround yourself with are incredible. From assistants to salon managers, photographers and models, we work with people that are compassionate, funny, caring, loyal and exciting. Zoom catch ups have been great but I can’t wait for the day when we see each other again!

5 Education is as important as ever – there’s been a multitude of online education from cutting tutorials to hair up demonstrations. This has taught us all how important – and exciting – it is to keep our skills up to date and push ourselves out of our comfort zones. Nothing beats real-life education and we all wait for the day academies reopen and we can work with live models again.

5 (100%) 1 vote[s]

Discover all the articles
Scopri tutti gli articoli

@COVID-19 @hairstylist @Toni&Guy
May 212020 Gossip
 
Angelo di Pasca da Saccucci Masterclass: Insieme saremo più forti di prima!

ROMA Giovedì 21 Maggio

I primi giorni lavorativi sono stati molto positivi, tutto è andato bene.
E’ stata un’emozione per noi del team Saccucci Masterclass come se fosse il primo giorno di lavoro ! Marco Saccucci e tutto il suo gruppo hanno fatto un grande lavoro per far si che le Clienti si sentissero nuovamente a casa con le abitudini di sempre.

“Abbiamo preso tutte le misure giuste
rispettando le norme governative !
Saccucci’s Masterclass team è una
grande squadra..”


Sono le solite mani degli hairstylists del salone che, come sempre, doneranno la felicità a tutte le donne, con un bel sorriso nascosto dalla mascherina, ma sempre presente !
La positività in questo momento è fondamentale per tutti noi colleghi e per le nostre clienti! Siamo tutti uniti insieme per far trionfare il mondo del Beauty e superare questo momento uscendone vincenti e più forti di prima.

Angelo di pasca
Da Saccucci Masterclass

SACCUCCI Masterclass
Viale Città d’Europa, 857 – ROMA (RM) – Italy
Tel. + 39 06 52200413 – 06 52200386

5 (100%) 1 vote[s]

Discover all the articles
Scopri tutti gli articoli

@angelo di pasca @COVID-19 @hairstylist @roma @saccucci @saccucci masterclass
May 182020 Gossip
 

Il Dpcm ( COVID-19 ) del 17 Maggio, accordato con le Regioni, si applica dal 18 Maggio

riapertura coronavirus

Ecco le indicazioni da seguire dal 18 Maggio:

  • Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione.
  • Consentire l’accesso dei clienti solo tramite prenotazione, mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 gg.
  • Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura >37,5 °C.
  • La permanenza dei clienti all’interno dei locali è consentita limitatamente al tempo indispensabile all’erogazione del servizio o trattamento. Consentire la presenza contemporanea di un numero limitato di clienti in base alla capienza del locale (vd. punto successivo).
  • Riorganizzare gli spazi, per quanto possibile in ragione delle condizioni logistiche e strutturali, per assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione sia tra le singole postazioni di lavoro, sia tra i clienti.
  • L’area di lavoro, laddove possibile, può essere delimitata da barriere fisiche adeguate a prevenire il contagio tramite droplet.
  • Nelle aree del locale, mettere a disposizione soluzioni idro-alcoliche per l’igiene delle mani dei clienti e degli operatori, con la raccomandazione di procedere ad una frequente igiene delle mani. Eliminare la disponibilità di riviste e materiale informativo di uso promiscuo.
  • L’operatore e il cliente, per tutto il tempo in cui, per l’espletamento della prestazione, devono mantenere una distanza inferiore a 1 metro devono indossare, compatibilmente con lo specifico servizio, una mascherina a protezione delle vie aeree (fatti salvi, per l’operatore, eventuali dispositivi di protezione individuale ad hoc come la mascherina FFP2 o la visiera protettiva, i guanti, il grembiule monouso, etc., associati a rischi specifici propri della mansione)
  • In particolare per i servizi di estetica, nell’erogazione della prestazione che richiede una distanza ravvicinata, l’operatore deve indossare la visiera protettiva e mascherina FFP2 senza valvola.
  • L’operatore deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima e dopo ogni servizio reso al cliente) e utilizzare camici/grembiuli possibilmente monouso per gli estetisti. I guanti devono essere diversificati fra quelli utilizzati nel trattamento da quelli usualmente utilizzati nel contesto ambientale.
  • Assicurare una adeguata pulizia e disinfezione delle superfici di lavoro prima di servire un nuovo cliente e una adeguata disinfezione delle attrezzature e accessori. Igienizzazione delle postazioni di lavoro dopo ogni cliente. Assicurare regolare pulizia e disinfezione dei servizi igienici.
  • Favorire il regolare e frequente ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti di condizionamento, la funzione di ricircolo dell’aria.
  • Sono inibiti, dove presenti, l’uso della sauna, il bagno turco e le vasche idromassaggio.
  • La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche, eventualmente in fase di prenotazione.

    Fonte: ANSA

Woman photo created by freepik – www.freepik.com

Rate this post / esprimi il tuo voto
May 122020 Gossip
 

La FASE 2 scatta e Karine apre il salone a mezzanotte

salone parrucchiere

Anche la Francia è entrata finalmente nella FASE 2 CORONAVIRUS e dopo oltre 50 giorni di lockdown, KARINE GRANGER, parrucchiera di Clichy-la-Garenne ( Hauts-de-Seine, a nord di Parigi) ha deciso di riaprire i battenti del proprio salone a mezzanotte e un secondo, senza perdere nemmeno un minuto. Sicuramente un modo per celebrare la fine dei due mesi di lockdown, ma anche un modo per offrire la possibilità di tagliarsi i capelli fin da subito, e sostenere la sua attività, duramente colpita dalla crisi.

L’ingegnosa professionista aveva già avvertito i suoi 830 clienti dell’idea per una maratona notturna, fissata tra domenica e lunedì, scegliendo un orario più che straordinario, e rimettendo in pista tutti i ferri del mestiere: forbici, spazzole, asciugacapelli, rimasti per troppi giorni nel cassetto. Il successo è stato immediato, nonostante i prezzi non proprio a buon mercato, Karine è riuscita ad ottenere il “SOLD OUT” in poco tempo.

All’interno del Salone ha potuto accogliere solo un massimo di cinque clienti e due dipendenti (contro dodici e quattro in tempi normali). Karine ha tagliato capelli ed operato straordinarie messe in piega fino all’alba, prima di lasciare il posto ai dipendenti. Oltre agli incassi, per il Salone di Karine è stata anche una straordinaria idea di comunicazione, che spera la allontanerà dal fallimento della sua attività.

Fonte: ANSA | Politica

Fashion photo created by freepik – www.freepik.com

Rate this post / esprimi il tuo voto
May 052020 Gossip
 

Preparati per la riapertura !

no ozono
sanificazione ambientale

KILLER VIRUS
è il decontaminatore ambientale che utilizza una tecnologia avanzata per la sanificazione dell’aria da virus e batteri. Integra perfettamente i dispositivi interni di protezione oggi consigliati come maschera chirurgica, occhiali protettivi, guanti chirurgici, copri-scarpe, igienizzante mani, etc.

dispositivo protezione

CARATTERISTICHE e BENEFICI
della TECNOLOGIA AMERICANA
(già USATA dalla NASA per le sue navicelle)
 per la SANIFICAZIONE e DECONTAMINAZIONE AMBIENTALE
KILLER VIRUS

  • La tecnologia di KILLER VIRUS distrugge oltre il 99,9% di tutti i contaminanti presenti sulle superfici e nell’aria.
  • Distrugge COVbatterivirusfumo e odori
  • Riduce i portatori di contaminazione e gli allergeni trasportati dall’aria che possono scatenare asma e sintomi allergici.
  • Ogni ora riesce a decontaminare in continuità un volume di ambiente tra i 140m2 e 160m2.
  • Semplice da installare
  • Non necessita di prodotti chimici aggiuntivi.

COME FUNZIONA KILLER VIRUS

è un dispositivo per la filtrazione e disinfezione continua dell’aria interna e quella intorno alla persona. Processa fino a 410 m3/h di aria interna in fasi diverse. Dapprima l’aria è filtrata con filtri HEPA che trattengono il 99,9% di micro particelle fino a 0,1 micron e poi trattata con un processo di fotocatalisi in TiO2 con luce UVC con Band-Gap.

IMPORTANTE:
KILLER VIRUS non annulla gli obblighi di legge sull’utilizzo degli accessori prescritti (maschere, guanti, etc.) ma ne completa gli effetti in maniera totale e globale nella sanificazione dell’ambiente.

Prepara la RIAPERTURA
del tuo SALONE
nel miglior modo possibile e sicuro
per TE e per i tuoi CLIENTI

CONTATTACI
telefono: 0331 1706328 | e-mail: info@globelife.com

L’articolo raffigurato è puramente indicativo. Non è ancora commercializzato al pubblico ma è distribuito in presidi sanitari. Sono però possibili le prenotazioni.

andratuttobene
Rate this post / esprimi il tuo voto
May 042020 Gossip
 
maletti rai uno

GUARDA IL VIDEO

È andato in onda su RAI UNO durante la trasmissione ITALIA SÌ un servizio dedicato al settore del parrucchiere su come affrontare la riapertura dei saloni. Una nota azienda di arredamento ha presentato una serie di NUOVI DISPOSITIVI ideati per rispondere all’esigenza di proteggere il rapporto parrucchiere/cliente dal momento dell’ingresso, alla postazione lavaggio, a quella tecnica fino all’uscita dal salone. Sono idee che si affiancano ad altre che in questo momento si stanno sviluppando sul mercato.

È un gran passo fatto dall’azienda emiliana a favore dell’intera categoria. Un ringraziamento è sicuramente dovuto per la velocità di queste idee. Bravi!

Rate this post / esprimi il tuo voto

Discover all the articles
Scopri tutti gli articoli

@COVID-19 @maletti @parrucchiere @parrucchieri @riapertura negozi @riapetura @salon @saloni
May 042020 Gossip
 

OZONO : Rischi e dubbi sull’efficacia del trattamento per la sanificazione

tosse coronavirus

I trattamenti con l’OZONO per “ sanificare ” gli ambienti oppure la ozonizzazione fai-da-te sono davvero attendibili ? Il MINISTERO dell’INTERNO sostiene che ” … i dispositivi di disinfezione mediante ozono, al momento non sono da ritenersi efficaci ai fini della sanificazione dei veicoli (evidentemente il riferimento è a quelli della Pubblica sicurezza, ndr) nella contingente emergenza Covid-19 …″ .

Secondo Marco Benedetti, presidente dell’ANID – Associazione Nazionale delle Imprese di Disinfestazione – l’OZONO non è ancora autorizzato in ambito civile in quanto non è ancora classificato né come biocida né come presidio medico-chirurgico.

Alcune ricerche hanno dimostrato che gli effetti dell’OZONO sulla Salute possono essere di vari tipi, sempre a carico delle vie respiratorie.

I trattamenti all’OZONO possono:

  • irritare le vie respiratorie,
  • ridurre la funzione polmonare,
  • aggravare alcune patologie respiratorie tra le quali l’asma,
  • provocare l’infiammazione del sottile strato di cellule
    che riveste le vie respiratorie.
tosse secca coronavirus

Inoltre alcuni studi sugli animali dimostrano che l’OZONO può ridurre la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni batteriche nel sistema respiratorio.

Se associato ad altri ossidanti fotochimici, di biossido di zolfo e di biossido di azoto, l’azione dell’ozono viene sempre potenziata per effetto sinergico, provocando gravi conseguenze (nei casi estremi anche la morte).

I ricercatori sono comunque concordi nel ritenere che anche i danni a breve termine dovuti ad una esposizione ripetuta ai trattamenti dell’OZONO, possono danneggiare in modo permanente l’apparato respiratorio. Per esempio, l’azione ripetuta sui polmoni in via di sviluppo dei bambini può portare ad una ridotta funzionalità polmonare da adulti.

In ogni caso è da sottolineare il fatto che ci sono soggetti più sensibili quali soggetti asmatici, chi soffre di patologie polmonari e cardiovascolari e più in generale gli anziani, le donne incinte, i bambini, chi fa attività fisica sostenuta all’aperto.

CONTATTACI per MAGGIORI INFORMAZIONI
telefono: 0331 1706328 | e-mail: info@globelife.com

Woman photo created by freepik – www.freepik.com

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 292020 Gossip
 
chiavi consegna

ERCOLANO – I Rappresentanti delle categorie Parrucchieri e Barbieri ANTONIO IENGO e FRANCESCO LOPEZ hanno consegnato le CHIAVI delle loro attività

Consegna-chiavi-parrucchieri-ercolano

La categoria dei parrucchieri e dei barbieri di Ercolano, Comune del Napoletano, rappresentata da Antonio Iengo e da Francesco Lopez, ha voluto mandare un forte segnale a tutti i colleghi della penisola e alle autorità governative consegnato le chiavi di tutti gli esercizi (di parrucchiere e barbiere) al primo Cittadino l’Avvocato Ciro Buonajuto.

Le motivazioni e i punti trattati nell’incontro sono di seguito espressi:

•          Richiesta di rappresentanza nelle opportune sedi governative del primo cittadino, il quale si è mostrato molto partecipe e attivo nell’intraprendere questa battaglia in difesa dei diritti della categoria. Infatti, in data odierna ha provveduto ad inviare al Presidente del Consiglio Dei Ministri una lettera chiedendo a gran voce di rivedere la decisione sulla data di riapertura. Seguito poi da altri sindaci dei comuni limitrofi.

•          Contrasto all’abusivismo, fenomeno dilagante, che a seguito dell’ordinanza della Regione Campania del 10 Marzo ha coinvolto non solo i reiterati soggetti evasori ed abusivi, ma gli stessi titolari dei saloni. Tutto ciò risulta deleterio per la categoria in quanto i soggetti che circolano liberamente di casa in casa possono essere dei pericolosissimi conduttori del Virus COVID-19, rallentando sia le aperture delle attività artigianali del luogo e sia erodendo un grossa fetta del fatturato alla riapertura.

La grande speranza è che questo gesto possa fare da motore propulsore per tutti gli appartenenti alla categoria in modo da arrivare con un messaggio diretto e chiaro al Governo. La categoria non chiede niente di eccezionale o di infattibile, ma chiede di essere equiparata agli altri settori produttivi e di non subire questa grossa discriminazione.

Background photo created by drobotdean – www.freepik.com

Rate this post / esprimi il tuo voto
Apr 292020 Gossip
 
barber

Il trend della barba di recente aveva raggiunto proporzioni globali. Poi è arrivato l’emergenza CORONAVIRUS e con esso la chiusura dei barber shop per il lockdown e, più recentemente, la notizia che le mascherine di protezione dal virus potrebbero essere meno efficaci se indossate in presenza di una folta peluria o barba sul viso.

La peluria non deve fuoriuscire dal bordo della mascherina per non impedire l’adesione alla pelle di dispositivi e respiratori, per evitare che l’aria non venga filtrata in maniera perfetta.

Gli operatori sanitari dovrebbero radersi il viso in questo periodo di emergenza” hanno commentato i chirurghi americani al New York Times.

In piena emergenza Covid-19, sui foglietti allegati alle mascherine di protezione in stoffa morbida di tipo ffp2 si legge “…non usare con barba, basette o baffi che potrebbero impedire una buona tenuta del respiratore sul volto”.

Sconsigliate le barbe folte alla Garibaldi e quelle da hipster. La moda della barba sicuramente dovrà aspettare tempi migliori.

Fonte: ANSA | Lifestyle | Beauty&Fitness

People photo created by senivpetro – www.freepik.com

Rate this post / esprimi il tuo voto
hairdresser's journal
giornale del parrucchiere magazine professionale
giornale del parrucchiere official site