.
You are the visitor n. 107581052
< Home
Jan 182010 Gossip
 
PERDE I CAPELLI UNA DONNA SU TRE – Una donna su tre soffre della perdita dei capelli a causa dello stress e dell’ossessione per la forma fisica. Questo quanto emerge da una ricerca condotta in Gran Bretagna dalla compagnia Vitabiotics Wellwoman Tricologic. Il 37 per cento delle donne al di sopra dei 25 anni sta perdendo i capelli, in alcuni casi anche in maniera grave. La tricologa Sara Allison commenta che «Le donne tendono a mangiare di meno nel tentativo di imitare le magrissime celebrità della televisione. Questa pressione le porta a mangiare di meno, e a non assumere abbastanza nutrienti, o ad assumere quelli sbagliati. I capelli sono essenzialmente il tessuto meno importante per la sopravvivenza del corpo, quindi ricevono nutrienti solo se ne sono rimasti nel corpo, dopo che gli organi vitali hanno ricevuto ciò di cui hanno bisogno».Dalla ricerca emerge inoltre che alla perdita dei capelli è legata anche la depressione, come spiega infatti la psicologa Linda Papadopoulos: «I capelli sono collegati all’idea di femminilità, giovinezza e attrazione sessuale. Data l’importanza dei capelli nella vita personale delle donne, la loro perdita può provocare ansia e depressione». Gli studiosi che hanno condotto la ricerca ritengono anche che, poiché la perdita dei capelli avviene generalmente in età avanzata, una calvizie precoce può alzare a sua volta il livello dello stress, accelerando così il processo.
Rate this post / esprimi il tuo voto
Jan 142010 Gossip
 

“GRACE” collection takes its inspiration from the iconic imagery of GRACE JONES shot by JEAN-PAUL GOUDE: Strong architectural shapes defined with a bold colour palette.

Hair by: Darren Newton Colour by: Vivica Davies & Tai Walker Photography by: Richie Crossley @ chicproduction Makeup by: Jemma Hodgetts Styling by: Chloe Holland

Rate this post / esprimi il tuo voto
Jan 132010 Gossip
 
Il ricambio stagionale non c’entra. Dopo il sole, è lo smog l’altro nemico della chioma. Aiutatevi con integratori e dieta. Inutile negarlo:in questo periodo, ci ritroviamo più capelli del solito sul pettine, sui vestiti e sul cuscino mentre in testa ci sembra di averne sempre di meno. Sarà come dicono “un normale ricambio fisiologico” o dobbiamo preoccuparci? Ecco come capirlo: – NEMICI NATURALI “Il ricambio stagionale dei capelli, come dei peli del corpo, nell’uomo moderno non si verifica più, era un retaggio genetico dell’adattamento al clima”, dice il dottor Fabio Rinaldi, dermatologo a Milano e presidente della Fondazione scientifica internazionale di divulgazione e ricerca sul capello (www.ihrf.eu). “Studi scientifici hanno dimostrato che è il sole a colpire il nostro cuoio capelluto durante l’estate: è lui il vero responsabile della caduta autunnale dei capelli”. Prevenire questo fenomeno, però, è possibile. “Sono utili trattamenti locali e integratori alimentari grazie ai quali il capello cade e ricresce”, consiglia lo specialista. – OLTRE I 100 È ALLARME “Gli integratori contengono sostanze antiossidanti come la vitamina E e il licopene che servono a prevenire il danno solare”, spiega il dottor Rinaldi. “Altri principi attivi naturali come il picnogenolo e il genistenolo aiutano a contrastare la morte del capello. Una novità in questo campo è l’utilizzo dei polipeptidi naturali contenuti nei trattamenti da applicare sul cuoio capelluto e che regolano la crescita del capello”. Quando rivolgersi al medico? “Il numero di capelli che possiamo perdere senza conseguenze non è uguale per tutti: dipende da quanti ne abbiamo in testa e da quanti ne ricrescono (l’allarme scatta oltre i cento al giorno). Se si nota una perdita di volume e se alla caduta si accompagnano altri sintomi come stanchezza o mestruazioni abbondanti, meglio ricorrere in fretta al medico. Prima si interviene, più il trattamento sarà efficace”. Certo, l’arma migliore è sempre la prevenzione, perché anche lo smog danneggia i capelli generando una reazione infiammatoria che li fa cadere. – LAVAGGI QUOTIDIANI Il trattamento consigliato dallo specialista? “Fare lavaggi frequenti e usare shampoo antibatterico come un normale antiforfora che elimina i microrganismi della polvere. Molto importante è anche un’alimentazione equilibrata”. Infine, ecco i luoghi comuni da sfatare: “Colorazioni, mousse e lacche non nuocciono alla chioma. E tagliare i capelli non serve a rinforzarli. Invece limitare al massimo l’uso delle piastre”.
Rate this post / esprimi il tuo voto
Jan 122010 Gossip
 

PAHI EDITA SU NEWSPAHIPER EN FRANCÉS

El fabricante español de mobiliario de peluquería, PAHI, encara 2.010 con una rotunda apuesta por el mercado exterior, tras mimar y redoblar sus primigenios esfuerzos en el interior de las fronteras. El último trimestre de 2.009 contempló la llegada de su nueva imagen corporativa y de la edición de su boletín informativo NEWSPAHIPER. Un nuevo canal informativo que ahora llega en francés, para los profesionales del vecino país galo. Una apuesta para fidelizar aún más a los peluqueros franceses. Además del vecino del Norte, el poder creativo, de diseño y de calidad de PAHI, son apreciados sobremanera en Alemania, Inglaterra, Noruega, Dinamarca, Suecia, Portugal, Bélgica, Grecia, Rusia y Nigeria; y, desde el pasado año, en Holanda, Ucrania, Hungría, Suiza, Luxemburgo y Canadá. NEWSPAHIPER habla de sí, de una de las pocas empresas fabricantes de mobiliario que perduran en la vieja Europa; una empresa familiar que apuesta por la calidad y el diseño. Su internacionalización y el reconocimiento exterior valoran el trabajo bien hecho a lo largo de 35 años por la empresa que dirige y gerencia Jordi Solerdelcoll.

Rate this post / esprimi il tuo voto
Jan 112010 Gossip
 
È stata ufficializzata anche in Italia la partnership fra l’Azienda d’arredamento CINDARELLA Paris e L’ORÉAL PROFESSIONNEL. Questo binomio si proporrà sicuramente come nuovo punto di riferimento per il design dei futuri saloni.
Rate this post / esprimi il tuo voto
Jan 112010 Gossip
 

 

Il cambiamento è un percorso che lega CARMEN CONSOLI al suo hairstylist SALVO FILETTI, fondatore assieme a RENATO GERVASI di COMPAGNIA DELLA BELLEZZA. Salvo ha seguito Carmen negli ultimi 5 anni e in questo periodo ha sempre cercato di domare la sua chioma mossa e ribelle. Nel suo ultimo album però, la cantautrice siciliana ha deciso di liberare la sua musica e il suo carattere, e Salvo è riuscito a interpretare questo dirompente cambiamento esaltando la naturale bellezza dei suoi capelli.

Per Carmen ha “elettrizzato” un carré degradé ripreso dagli anni ’30, aiutato dai suoi fedeli prodotti styling SHU UEMURA ART OF HAIR (Liquid Fabrik e Tasai Cream), pinze, un phon tiepido con diffusore per gonfiare i volumi e una noce di Frame Wax cera modellante per definire e sparare le punte. Passato e futuro si mescolano sinergicamente per un look new retrò. Il colore così ricco e riflessato è stato ottenuto con INOA: il rivoluzionario servizio di colorazione disponibile nei saloni L’ORÉAL PROFESSIONNEL che sfrutta la tecnologia ODS (Oil Delivery System) che massimizza l‘efficacia del sistema di pigmentazione rispettando la fibra del capello, inoltre non ha odore e riduce il pizzicore in cute perché non contiene ammoniaca.

Rate this post / esprimi il tuo voto
Jan 082010 Gossip
 

Per i giornalisti il segreto sulle fonti è sacro

I giornalisti hanno il diritto di tutelare la segretezza delle fonti perché la libertà di stampa prevale su tutto. E non possono neanche essere costretti a divulgare documenti riservati che possono compromettere la fiducia delle fonti. Lo ha deciso la Corte europea dei diritti dell’uomo che, nella sentenza depositata il 15 dicembre (Financial Times e altri contro Regno Unito), ha rafforzato la tutela della libertà d’espressione.
Rate this post / esprimi il tuo voto
Dec 312009 Gossip
 
Circola una grande confusione di cifre. Si dice infatti che è in aumento la pubblicità online. Non è assolutamente così. È solo vero che le Aziende si stanno finalmente creando un proprio sito ma questa non è né visibilità né pubblicità. Tutti, o quasi tutti, questi siti verranno visti da pochi, pochissimi, se non solo dai proprietari stessi e da chi li realizza. Un sito vale solo se è nelle posizioni migliori di un motore di ricerca (es. Google, Bing. Yahoo, etc) altrimenti tutti i navigatori del web non lo scopriranno mai e quindi…. c’è il grande rischio di buttare i soldi!!! E questo non è il modo migliore di fare comunicazione con ritorni d’immagine e commerciali. Non è almeno questo il momento.
Rate this post / esprimi il tuo voto
hairdresser's journal
giornale del parrucchiere magazine professionale
giornale del parrucchiere official site