Certified

You are the visitor n. 78064853
< Home
Sep 162011 Gossip
 
Ma quanto guadagnano le Aziende di arredamento che si spacciano per produttori e non lo sono? Abbiamo scoperto che molti articoli, fabbricati in CHINA, vengono importati e venduti fino a dieci (10) volte più cari. Ma i parrucchieri spennati cominciano ad accorgersi. Vi sottoponiamo alcuni oggetti interessanti con i prezzi di vendita che saranno acquistabili fra breve in www.FHair365.biz/CHINA.
Arredamenti cinesiArredamenti cinesiArredamenti cinesi
95,6 euro210 euro352,5 euro
Arredamenti cinesi Arredamenti cinesiArredamenti cinesi
116,5 euro90,5 euro98,4 euro
Be Sociable, Share!
  • Condividi

      24 Responses to “Arredamenti = affari o furbate?”

    1. Molto interessante ma vorrei i nomi di quelli che sono stati sfruttatori del sistema. Grazie

    2. Non è una novità questa notizia. Fa male però sapere di essere stati presi in giro da semplici falegnami ! ! ! Perchè questi soggetti che si presentano come aziende di DESIGN non sono che approfittatori della credulità del parrucchiere.

    3. Il mondo è dei furbi e sarà sempre così. Uniamoci e informiamoci su questi soggetti. Firma: un parrucchiere sicuramente truffato.

    4. Ma c’è una differenza spropositata di prezzo su un articolo che mi sembra uguale a quello che avrei voluto comprare io. Però quello che ho visto io aveva un marchio italiano. Mi vengono dubbi e brutti pensieri, potete aiutarmi ?

    5. Genny nessuno ti può aiutare, piangi piuttosto.

    6. Anche per l’arredamento ci dovremo rivolgere all’estero ? Per ripicca almeno.

    7. l’apparenza a volte inganna.
      copia l’estetica di un qualsiasi prodotto non è difficile: un tubo di tinta, una piastra, una poltrona,……
      la copia di un oggetto brevettato è semplicemente reato, e lo è anche l’incauto (incauto…..?) acquisto.
      io mi sforzo di ingegno e tu te ne appropri gratis…… no!

      a parte l’immagine, la differenza la fa la sostanza.
      colori che non colorano (ed è il meno), piastre che non stirano, poltrone che si smontano…..

      se pensate alla quallità della vostra giornata lavorativa e al benessere dei vostri clienti forse è meglio che un pensierino ad acquistare prodotti “sani” lo facciate.

      ciao
      marco

    8. Ma se i prodotti sono gli stessi…e solo “rimarcati” come la mettiamo ? Ciao Marco

    9. Ma i prodotti taroccati non vengono esposti nelle fiere. Sarebbe troppo rischioso per questi cinesi che dite tutti che copiano. Io ho un sacco diu dubbi sui prezzi di alcuni articoli presentati come “italiani”.Saluti a tutti

    10. Ho visto la rubrica dell’arredamento in Globelife.com e mancano alcuni “arredatori” conosciuti. Come mai non sono presenti ? Paura di esporsi a confronti ? Perchè allora i cinesi si vedono dappertutto e propongono sia novità che prezzi interessanti ? CIAO COLLEGHI uniamoci

    11. I cinesi , per mille motivi avanzano, non avete notato che al cosmoprof di bologna non c’erano gli arredatori ??? Mi spiace non sostenere l’italian style ma non ho più voglia di farmi prendere in giro. Voglio essere il più possibile “obiettivo”. Ciao a tutti

    12. Hai ragione !

    13. Vi invito a vedere la rubrica in globelife dedicata all’arredamento : é superlativa con tutte le proposte di design anche fuori settore, un vero capolavoro. ….E non ci ho trovato neanche un nostro arredatore ( perchè sono sconosciuti o non sono ritenuti all’altezza?). Vedete voi, ciao

    14. Mi stupisco che in questa discussione e critica non si sia inserito qualche arredatore per controbattere alle accuse. O non leggono ( la categoria dei falegnami non deve essere meglio dei parrucchieri) o non hanno argomenti a difesa: Purtroppo !

    15. Bene, bravo, bis!

    16. GENTILE RICCARDO,
      ECCO, COME DA TUA PROVOCAZIONE, MI INSERISCO COME PRODUTTORE DI ARREDO DI DESIGN. A ME PIACCIONI LE DISCUSSIONI MA SOPRATTUTTO LEGGERE LE OPINIONI DELLE PERSONE. SOLO COSI’, RITENGO, SIA POSSIBILE CAPIRE COSA CERCANO GLI ACCONCIATORI. SI, LE VOSTRE OSSERVAZIONI SONO CORRETTE. MOLTI ARREDATORI CERCANO PRODUZIONE ASIATICA DA RIVENDERE SOTTO LORO MARCHIO IN EUROPA. PERCHE’? POERCHE’ I COSTI NON SONO PIU’ SOTENIBILI……… E PERCHE’, PER MOLTI ACCONCIATORI, L’ARREDAMENTO E’ UNA VOCE DI SPESA INUTILE E NON UN INVESTIMENTO E SERVIZIO ALLA CLIENTELA; ERGO, DEVE COSTARE POCO !
      SE POI VIENE VENDUTO A PREZZO ” EUROPEO” ALLORA LI’ C’E’ SOLO SPECULAZIONE……..

      LA MIA VISONE, INVECE, E’ TOTALMENTE DIVERSA. IO FACCIO DESIGN, LO BREVETTO E LO MARCHIO MADE IN ITALY. LA MIA PREODUZIONE E FILIERA ( COME DI SOLITO SI USA DIRE) E’ ITALIANA E , LIMITATAMENTE,EUROPEA.

      I COSTI DI PRODUZIONE SONO ALTI MA SONO CONSAPEVOLE DI DARE UN PRODOTTO DI QUALITA’ AD UN PREZZO CORRETTO.
      SAPETE VOI DISTINGUERA LA QUALITA’?
      QUESTO E’ IL PROBLEMA, PURTROPPO.

      POCO TEMPO FA, CERCAMMO IO E ALTRI DI CREARE UNA ASSOCIAZIONE DI PRODUTTORI ITALIANI, LATORI DEL MADE IN ITALY E DELLA CULTURA ARTISTICA ITALIANA. RISULTATO: TUTTO E’ ABORTITO! SIAMO TROPPO LEGATI ALLA NOSTRA ” AZIENDINA” PER NON POTER VEDERE IN GRANDE : SINERGIE , COLLABORAZIONI, TUTELE RECIPROCHE ECC.
      PUTROPPO E’ COSI’, TRISTEMENTE.

      RITORNO ALLA DOMANDA DI PRIMA: “SAPETE DISTINGUERE LA QUALITA’? “.

      LA QUALITA’ SI VALUTA DAI MATERIALI USATI E DALLA SAPIENZA NEL LAVORO DI REALIZZAZZIONE;
      TRADOTTO: DUREVOLEZZA DEL PRODOTTO!

      QUANDO ACQUISTATE: CHIEDETE LE SCEDE DI SICUREZZA O LE CERTIFICAZIONI DEI MATERIALI IMPIEGATI…E’ LI’ CHE CADRA’ L’ASINO!

      CIAO

    17. Bingo.!!!!
      tutti zitti??

    18. Arredamenti per parrucchieri completi a 2/3000 euro si possono proprio fare. Il cassetto così piange di meno.

    19. Ragazzi però penso abbia ragione Anonimo perchè non penso si possa comprare una Ferrari al prezzo di una utilitaria. Nell’arredamento non è lo stesso ? Ciao

    20. Ma dove si possono comprare queste poltrone ? Non riesco a trovare l’indirizzo che mi avete segnalato.

    21. dove si possono trovare queste sedie ragazzi

    22. Come produttore di arredo di design made in Italy, vorrei lasciare anche un mio commento.
      Davvero pensate che sia possibile acquistare un arredo completo di qualità a 3000 euro? La qualità costa. Punto. Costerebbe anche in Cina, se qualcuno gli insegnasse cos’è. Un Iphone è fatto completamente in Cina, costa poco? Non mi pare.
      Il problema è che oggi non esiste una produzione cinese di qualità nel settore arredi. Non hanno le capacità tecniche, il know how, i materiali, i fornitori e la cultura per poter costruire un prodotto di arredo di qualità. Ai produttori italiani sono serviti decenni per raggiungere certi standard qualitativi, che tutto il mondo ci invidia, e non è certo chiedendo ad una azienda cinese di copiare un prodotto italiano che il risultato è un made in italy a prezzi stracciati.

      Ma non è una questione solo di prezzo. E’ anche una questione di garanzia, e di sicurezza. Abbiamo comprato per valutarla una poltrona cinese. A parte i difetti evidenti nelle cuciture, nella densità della schiuma della seduta e nelle finiture, il legno della struttura era letteralmente materiale di scarto, sfaldato e indecentemente sporco. Nemmeno si sono preoccupati di pulirlo! Avete idea di quanti virus o batteri o altre schifezze potevano esserci su quel materiale? Davvero fareste sedere i vostri clienti su legno prelevato in una discarica?
      Giusto per darvi qualche riferimento, sotto i 400 euro di listino una poltrona è sicuramente non made in Italy. Noi abbiamo poltrone che partono anche da 250 euro, fatte in Italia, ma ovviamente a quei prezzi con componenti cinesi, che però vengono puliti, controllati, testati, prima di essere assemblati dai nostri operai, e con la nostra garanzia. Più si sale di prezzo più ovviamente si sale con la qualità, il design, le finiture, ecc.. L’importante è essere sempre trasparenti con voi clienti. Piuttosto, e qui si vede la serietà delle aziende, ci possono essere comportamenti non seri, di chi vende made in Italy qualcosa che ha ben poco di fatto in Italia. Qui però mi sento di difendere i produttori italiani, per la maggior parte sono aziende serie e oneste. Qualche pecora nera può sempre esserci, quindi il mio consiglio è quello di chiedere sempre l’origine del prodotto e se avete qualche dubbio, fatevelo mettere per iscritto. Attenzione anche ai prezzi di listino, diverse aziende potrebbero avere politiche di sconto diverse, quindi comparate sempre il prezzo finale, non fatevi suggestionare dallo sconto!

      Salvo: su questo portale non ci sono tutti i produttori italiani perchè essendo giustamente un portale a pagamento, un’azienda può legittimamente non considerare questo investimento conveniente.
      Mario: molti produttori italiani non vanno più al cosmoprof perchè non si riescono più a sopportare in periodo di così forte crisi gli investimenti astronomici richiesti per partecipare, e i ritorni non giustificano più questi investimenti. Ci sono sempre meno distributori dall’estero, e anzichè puntare su voi acconciatori, il cosmoprof ha preferito aumentare le visite del pubblico generale. Forse lo hanno capito e sembra che stiano tornando a dare il rispetto che merita il settore dell’acconciatura. Non preoccuparti che nel momento in cui la fiera dovesse tornare ad essere un evento per cui valga la pena partecipare, tutti gli arredatori torneranno.

      Il made in Italy è ancora una garanzia di qualità. Dopodichè fate quello che volete, il portafoglio è vostro. Però non lamentatevi se dopo 6 mesi le poltrone cadono a pezzi e chiamando chi ve le ha vendute, o non vi risponde, o vi manda a quel paese, o non esiste più..

    23. sono un exparrucchiere e adesso vivo in tunisia importo dalla cina e comercialiso
      questo tipo di arredamento pero con questi prezzi; guadagano il jiusto ma vendo tanto

    24. io celo attrezzature di parrucchiere di prima quallitta pietra nera piu la sauna firlandeze da 4 posti lo devo vendere urgente per problemi familiari urgenti tutto a 5000 euro. mai usati 4 mesi di vita.sonno di genova e il mio numero e 3450704121

     Leave a Reply

    (required)

    (required)

    You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>